Un’esperienza umana e professionale: l’esperienza di Nicoletta

Un’esperienza umana e professionale: l’esperienza di Nicoletta

“Questa esperienza è stata formativa e gioiosa allo stesso tempo: avrò sempre qualcosa che porterò nel cuore” afferma senza dubbi Nicoletta parlando delle giornate vissute con il progetto youngERcard. I due aggettivi da lei scelti sono perfettamente appropriati, dato che l’esperienza di impegno civico l’ha arricchita sia dal punto di vista umano che da quello lavorativo, due aspetti che troppo spesso sono in opposizione tra loro.

Nicoletta non è parmigiana e neanche emiliana. Come tanti altri ragazzi della sua età, è arrivata in città da fuorisede per seguire le sue passioni, i motori e l’arte. Dopo aver iniziato l’Università nella facoltà di Ingegneria, ha cambiato percorso per iscriversi a Beni Artistici e dello Spettacolo e qui ha scoperto la sua vocazione.

Nicoletta si è subito inserita al meglio nell’ambiente cittadino e ha colto l’occasione offertale dal progetto youngErcard. “Verso la fine del 2019 mi sono iscritta. Il mio scopo era fare un’esperienza che mi avvicinasse il più possibile ai musei, ai teatri e a tutti quegli eventi che spesso ho visto in giro per la città e verso cui avevo un grande desiderio di partecipare”.

Le prime esperienze le ha vissute al GastronomyHub_Palazzo della Provincia, dove ha prestato la sua attività di youngER nei laboratori di cucina con bambini, dove ha esplorato il Palazzo in veste gastronomica e partecipato a giochi.

Successivamente sono arrivate le giornate d’inaugurazione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020. “Il primo giorno mi sono occupata di volantinaggio e di fornire informazioni al pubblico. Tutto questo, per quanto possa sembrare semplice, mi ha dato la possibilità di avere un confronto diretto con le persone, fondamentale per il lavoro che voglio intraprendere in seguito in ambito artistico. Insieme ad altri ragazzi, ho distribuito le bandierine dell’Italia durante la visita del Presidente Mattarella, così ho avuto la possibilità di essere più vicina al palco. Il terzo giorno sono stata assegnata nuovamente al GastronomyHub, avendo già esperienza”.

La parte più interessante è stata proprio quella dell’approcciarsi col pubblico. In quel periodo c’erano le elezioni regionali e le persone erano particolarmente diffidenti verso chiunque li volesse approcciare. “Io e gli altri ragazzi abbiamo dovuto cercare delle formule e delle parole per far capire nel minor tempo possibile cosa volevamo comunicare: è stato un bell’esercizio”.

I contatti col pubblico non sono stati gli unici importanti. “Ho avuto la possibilità d’interagire con diversi ragazzi della mia facoltà, che avevo spesso solo visto a lezione, e con quelli che dirigevano gli eventi, cosa molto importante per me: un giorno, infatti, spero di occuparmi di queste cose”.

Queste esperienze sono state un ponte tra il mondo dell’Università, spesso teorico, e quello del lavoro. Non solo le hanno dato importanti lezioni sulla gestione di un evento culturale ma anche conferme per quanto riguarda la scelta del percorso di studi.

Nicoletta, ricordiamo, è fuorisede. Per questo non conosceva molti aspetti della città, almeno fino a non molto tempo fa era così. “Durante le varie attività ho scoperto tradizioni,storie e curiosità di Parma, molte in dialetto anche. Conoscere ancor più approfonditamente questa città, da cui ho ricevuto molto, è stato un valore aggiunto”.

Nicoletta

Per maggiori informazioni su youngER Card cliccate sul pulsante: