CERCHIAMO L’AZZURRO

CERCHIAMO L’AZZURRO

CERCHIAMO L’AZZURRO

di Laura Fava

Un progetto a cura di Maria Magnani e Caterina Nizzoli

Lunedì 24 febbraio 2020 su ordinanza ministeriale, l’Atelier I Cachi chiude le porte a causa dell’ emergenza sanitaria.
L’idea più creativa era quella di restare a casa per proteggere se stessi e gli altri. 
L’isolamento domestico al quale siamo stati sottoposti ci ha messo tutti a dura prova, ma che effetto ha avuto sulle persone che hanno fragilità mentali e disabilità intellettive? 

M. ogni martedì e venerdì mattina si alzava, si vestiva, prendeva l’autobus e camminava fino a via Bixio 50, aspettava dalle 2 alle 3 ore, con la pazienza di uno scoglio, che qualcuno di noi arrivasse ad aprire.

Abituati a passare intere giornate nel nostro amato, affollato, strampalato Atelier, ci siamo trovati dinnanzi al vuoto. Che fare? 
Accorciare le distanze e cercare l’azzurro, come? Con una videocamera, set casalinghi, riprese non proprio d’autore. Tante case diverse, diventano una sola.
Il risultato? Un cortometraggio che racconta la nuova quotidianità degli artisti e dello staff dei Cachi! 

Durante la quarantena abbiamo cercato di dare risposte immediate all’improvviso isolamento, risposte che con il tempo si sono trasformate in una logica solida. Per mantenere un filo con i ragazzi che frequentano l’Atelier I Cachi e poter vivere in un’ottica di condivisione questo momento tragico (non solo da spettatori che assistono e sostengono), abbiamo deciso e proposto di essere tutti parte di un cast, di offrire le nostre case come una unica grande casa che ci unisse.
Un grazie profondo allo sponsor Gruppo Chiesi.