BEASTIE BOYS STORY

BEASTIE BOYS STORY

Beastie Boys sono stati una band molto influente per la sottocultura pop giovanile da metà degli anni ‘80: tre giullari, improbabili gangsta ebrei newyorkesi, che hanno reinventato il genere dedicandosi al rap ma con attitudine punk (poca tecnica, molta arroganza), e hanno lasciato il segno aggiungendo alla musica massicce dosi di anarchia, antipatia, supponenza e genio. 

Dopo l’esordio col botto –il milionario, scorrettissimo e sessista “Licensed To Ill”- hanno abbandonato l’etichetta Def Jam di Rick Rubin colpevole di averli “truffati” e, smessi gli abiti degli eterni adolescenti sballati, nonostante una lunga convivenza con gli eccessi, hanno ripreso in mano gli strumenti ed hanno imparato a suonare, ripartendo dal funk e dall’avanguardia, divenendo in breve vere icone cool, sempre proiettati verso l’esplorazione e i lidi della maturità espressiva. 

Questa è la loro storia, disponibile da qualche giorno sulla piattaforma streaming di Apple Tv +, diretta con mano felice da Spike Jonze, regista noto per gioielli quali ESSERE JOHN MALKOVICH e LEI, amico e collaboratore del gruppo dal clip di “Sabotage”, omaggio-parodia alle serie televisive poliziesche degli anni ‘70. 

Il trailer: 

Con Beastie Boys Story, Jonze rimescola con complicità le carte della realizzazione di un buon rockumentary, eliminando la noia delle stereotipate interviste alternate a immagini di repertorio e, partendo da The Beastie Boys Book, la biografia ufficiale uscita nel 2018, racconta in modo divertente e completo i quasi trent’anni di attività del trio, mettendo in scena una sorta di spettacolo-reading con tanto di pubblico in visibilio. 

Filmato al Kings Theatre di Brooklin, è il risultato di alcune serate in cui Adam “Ad Rock” Horovitz e Michael “Mike D” Diamond, molto coinvolti e sciolti nella performance, narrano le gesta, le cialtronate, i ripensamenti (“preferisco essere ipocrita che la stessa persona per sempre” dichiara AD Rock) ma anche il dolore e lo spaesamento per la perdita del più caro amico, Adam MCYauch, terzo componente e  figura eclettica della band, scomparso dopo malattia nel 2012. 

Tra risate e commozione, due ore che volano via. 

BEASTIE BOYS STORY (USA 2020, durata 119′) 
Regia: Spike Jonze 
Sceneggiatura: Adam Horovitz, Spike Jonze, Mike D 
Fotografia: Autumn Durald 

Matteo Barbacini, Ufficio Cinema – Comune di Parma